Cerca la tua vacanza
DATA DI ARRIVO DATA DI PARTENZA
TIPOLOGIA STRUTTURA NUMERO DI PERSONE


Itinerari nel Parco Regionale del Delta del Po

 

Il Delta del Po: Patrimonio dell’Umanità – UNESCO e capitale del birdwatching Il Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna si estende nelle province di Ferrara e Ravenna, su una superficie di oltre 58.000 ettari ed è gestito dal consorzio del Parco del Delta con sede a Comacchio.

Il suo ambiente incontaminato e le caratteristiche valli ne fanno un habitat ideale per pesci ed uccelli acquatici. L’area del Delta è molto apprezzata dagli amanti del birdwatching e delle vacanze verdi a contatto con la natura. Qui gli appassionati di birdwatching, armati di un semplice binocolo, potranno divertirsi ad osservare decine di specie di uccelli dalla folaga al germano reale, dagli aironi al cavaliere d’ Italia. Da segnalare ogni anno a Comacchio la Fiera Internazionale del Birdwatching e del

Turismo Naturalistico (International Po Delta Birdwatching Fair) che è fra le più importanti fiere del turismo ambientale e del birdwatching in Italia.

Il Parco del Delta del Po è uno scrigno prezioso di pinete, imponenti boschi, valli ed è la “casa al mare” di 300 diverse specie di uccelli. Per il suo meraviglioso paesaggio e per il suo eccezionale ecosistema naturale, il Parco del Delta del Po ha ottenuto il riconoscimento dell’Unesco come sito Patrimonio dell’Umanità.

Prenota una vacanza al mare sulla Riviera Adriatica e scopri la natura del Parco del Delta del Po: Prenota on line all Holiday Park Spiaggia e Mare »

 
Approfondimenti
 

       Il Delta del Po: tra terra e mare

   
Se esiste un posto dove la natura modella continuamente il paesaggio contendendolo all'uomo, questo è il delta del Po.


L'abbondante e costante accumularsi dei detriti fluviali, che sposta sempre più ad est il confine tra terra e mare, ha da sempre esaltato la battaglia che l'uomo conduce per sottrarre alla precarietà i propri insediamenti.
Le prime opere di regimentazione idraulica risalgono al IV secolo a.C., e si devono agli etruschi di Spina, opere destinate al miglioramento della navigazione commerciale ed alla produzione del sale.


Furono poi i romani, dal III secolo a.C. a sviluppare la rete viaria, la piscicoltura e la produzione di laterizi.
Solo dopo l'unità d'Italia le opere di bonifica si fanno massicce e radicali, lasciando tuttavia, ancora oggi, vaste zone ove il territorio conserva le antiche suggestioni ed il fascino di ambienti naturali di grandissimo valore floreale e faunistico.


In seguito furono i monaci benedettini dell'Abbazia di Pomposa a intraprendere, tra l'VIII e il IX secolo, grandi opere di bonifica. Inondazioni successive vanificarono in parte gli sforzi dell'uomo che, a parte un tentativo degli Estensi, con il Duca Alfonso II, nel XVI secolo e la breve parentesi napoleonica, si concentrò nella valorizzazione del centro storico di Comacchio, ove lo stato pontificio eresse importanti monumenti sei-settecenteschi.
   

       Le magiche atmosfere del Delta del Po

   

Il Delta del Po è un mosaico di valli e boschi che celano spettacolari presenze faunistiche, degli uccelli in particolare: il Delta del Po, infatti, si trova sulle principali rotte di migrazione tra i paesi del nord Europa e le zone africane e sudeuropee di svernamento.


L'importanza internazionale per gli uccelli acquatici è stata sancita anche dalla Convenzione di Ramsar.


Morette, Aironi Rossi, i rari Gabbiani Corallini, Beccacce di mare e Cavalieri d’Italia; il Fraticello, Garzetta, l'Avocetta, il Beccapesci, il Tarabuso, la Nitticora; l'Airone Cinerino, la Sgarza, il Forapaglia, il Martin Pescatore, Cannaiole, Migliarini e molti altri ancora. Tra la fauna acquatica, oltre alle specie tipiche d’acqua dolce di pianura come Carpa, Tinca, Carassio, Barbi, Luccio, primeggia l'Anguilla


Ma è l'atmosfera di valle, fatta di sconfinati orizzonti sui quali svettano qua e là isolate torri a rendere queste terre un po’ magiche, a dare l'impressione di trovarsi in una zona di confine tra insediamento umano e natura selvaggia.
Tra i boschi domina il Gran Bosco della Mesola, con una macchia a Leccio sulle dune più alte e abbondanza di Pino domestico, presente fin dal medioevo, mentre nelle pianure abbondano la Farnia, il Pioppo bianco e il Frassino ossifillo.
Negli estesissimi canneti vegetano ancora la ninfee, il Nannufero, la Coda di cavallo acquatica, l'Erba vescica. Tifa, Giunco fiorito e Giglio giallo fanno da cornice a rare estensioni di Ninfee e Genziane d'acqua.

   

       Scoprire il Delta del Po

   

Il Delta del Po si può scoprire in molti modi: a piedi, in bicicletta, a cavallo, in barca, seguendo personali preferenze e disposizioni.


I tratti sterrati lungo gli argini, i sentieri che attraversano le macchie ed i boschi, sono l'ideale per chi ama osservare queste magiche atmosfere.
L'improvviso levarsi in volo di un airone, l'apparire e scomparire di colonie di uccelli che scivolano silenziosi sugli specchi d'acqua, l'eterno abbraccio tra acqua e vegetazione che si contendono il delicato equilibrio di queste zone, sono il premio più bello per l'amante della natura e della quiete.


Si rip rende poi senza fretta, magari per completare con qualche mèta storica o architettonica come il Castello della Mesola, l'Abbazia di Pomposa, il faro di Gorino, la Torre dell'Abate o il centro storico di Comacchio con i suoi ponti e canali.


Una passeggiata o una pedalata possono trovare degno epilogo in uno dei tanti ristoranti disseminati sul territorio. Piccole trattorie, osterie appartate, ma anche titolatissimi ristoranti propongono, ognuno nella propria personalissima variante, piatti tipici locali, soprattutto agli amanti della cucina di mare: pesce e frutti di mare, con ostriche ed anguille in primo piano, ma anche cannocchie, cozze e sogliole.

   
 
Nessuna Offerta.
 
STREETVIEW

Tour Virtuale

1) Doppio click sul filmato apri a tutto schermo
2) Apri in una nuova finestra

Free wi fi Terra e mare Vacanza di Charme

© HOLIDAY PARK SPIAGGIA E MARE - Via dei Mille 62, 44029 Porto Garibaldi FE
Parco del Delta del Po - Italy - Tel +39 0533/32.74.31 - Fax +39 0533/32.56.20 - E-mail info@campingspiaggiamare.it
Spiaggia e Mare s.r.l. - Sede legale: Via dei Mille 62, 44029 Porto Garibaldi FE
N. iscr. Registro delle imprese di Ferrara 01092090388 - R.E.A.131767 - capitale sociale i.v. 99.500,00 euro - P.IVA 01092090388 - Cookie policy

Google+ Map
Scarica l'app Apple - Android